Pausa concerti

Ho una calcificazione alla spalla sinistra. Non dovrebbe essere niente di grave, ma sono in giro per visite e robe varie e ci sono dei giorni che va tutto alla grande “ed invece dei giorni che no” (per citare il poeta della musica).

Ho annullato tutte le date di dicembre che avevo perché comunque al momento è meglio. Per l’anno nuovo vedremo, adesso è presto.

Speriamo bene, dai. Vedrai che non è niente. In bocca al lupo. Grazie.

 

 

 

Pubblicato in News

7 giorni di squalifica

Mi hanno squalificato da Facebook per 7 giorni perché in un post di settemila anni fa ho scritto la parola “frocio”.

 

Non che io scriva questo per lamentare chissà quale violazione della democrazia o censura.

Sono cose che, a farsi governare dai robot, possono capitare. Almeno Yul Brinner non mi ha sparato in duello come nel film.

Il motivo è che non mi fa usare messenger, quindi ho qualche persona che mi sta scrivendo e alla quale non riesco a rispondere e magari sta pensando “Che pezzo di merda, manco mi risponde”.

Cogli la prima mela – Itunes ItalyRockChart

Ogni tanto qualcuno scrive “Il nostro video è al XY sulla classifica nel sito di (inserire nome di sito internet, webzine, giornale)” e sembra una cosa molto figa. In genere sono posizioni di rincalzo, ma comunque essere in classifica è sempre essere in classifica. E poi, voglio dire, sei nella classifica di una roba dove stanno altri nomi grossi, magari una classifica a livello nazionale. E infatti tutti a dire “Bravo” “Daje” eccetera.

L’altro giorno mi ha scritto Govind, il mio editore.
Mi dice che siamo finiti al 196esimo posto della ItalyRockChart di Itunes con un mio pezzo del 2010 chiamato “Vita di paese”.
In pratica questa canzone del 2010 è una delle canzoni tra le “italiane rock” (mi si perdoni) che è stata scaricata più volte da Itunes in settimana. Solo (si fa per dire) 195 canzoni le sono davanti.
Allora chiedo a Govind di dirmi, se lo sa, quanti download abbiamo totalizzato per finire al 196esimo posto su un sito prestigioso come quello di Itunes.

E lui, candidamente, mi risponde: “UNO”.

 

Vela – Nuovo video

Domenica 15 ottobre verrà pubblicato il video di “VELA”, brano incluso nel mio nuovo album “La prima cosa che ti viene in mente”.
E’ il secondo video che esce dal disco, dopo “Triveneta”.
La regia del video è di Roberta Bedocchi.
Mi hanno detto che i video non si devono fare uscire di domenica mattina, che la gente la domenica mattina non ha voglia di fare niente e di stare attenta a niente.
Secondo me la domenica mattina invece è il momento perfetto per apprezzare questo video qui e, come dico spesso, bisogna ogni tanto anche dare ragione al proprio animo e alla propria indole.

Grant

“Hi Giancarlo, this is Grant. Well….uhm, uh….FUCK YOU, SON”

(Messaggio lasciato in segreteria da Grant Hart alla mia richiesta di un’intervista per la monografia retrospettiva che scrissi per il mucchio extra. Ciao, testa di cazzo che non eri altro. Ti vorrò sempre bene)

 

 

La prima cosa che ti viene in mente.

Non è ancora uscito ufficialmente, qualsiasi cosa possa significare una frase del genere per un musicista dilettante nel 2017.

Però, ecco, chi volesse già una copia de “LA PRIMA COSA CHE TI VIENE IN MENTE”, che è il titolo del mio nuovo album, può mandare una mail all’indirizzo tantopagaCHIOCCIOLAmiomarito.it lasciandomi il suo indirizzo, per il resto ci mettiamo d’accordo.

TRIVENETA (Sì, è una canzone nuova)

Questa qui è una canzone nuova. Per un paio di giorni la potete ascoltare e potete vederne il meraviglioso video in esclusiva dal sito di “Sentire Ascoltare”
Si chiama “TRIVENETA” e farà parte di un nuovo disco che uscirà a settembre su etichetta New Model Label e che si chiamerà “LA PRIMA COSA CHE TI VIENE IN MENTE”.
Il pezzo è stato registrato nello studio degli M? a Pratissolo di Scandiano (RE) da Simone Gazzetti, che ha curato anche il missaggio.
Il mastering è di Davide Barbi.
Gli strumenti sono tutti suonati da me.
Il coro è stato fatto da me, Cesare Anceschi, Laura Sghedoni, Luca Verzelloni.
Il video è stato realizzato dal corso di Grafica dell’Istituto d’Arte “VENTURI” di Modena, coordinamento della professoressa Antonella Battilani.

I ragazzi che hanno fatto il video, a giorni hanno l’esame di maturità. Spero proprio che lo passino con un bel voto, perché con pochi mezzi hanno fatto un lavoro bellissimo. Sono loro i veri artisti, non io.

Se guardi una cosa è perché ti piace.

Una volta c’erano due canali ed erano entrambi della Rai. Era talmente lontano il concetto di concorrenza radiotelevisiva che, quando in un canale iniziava un programma, nell’altro veniva un triangolino sullo schermo che ti avvertiva che dall’altra parte iniziava qualcosa e magari ti poteva interessare.

Poi arrivò Rai tre. Non la guardava nessuno, a tal punto che si scherzava sul fatto che le spie si comunicassero i messaggi di segretezza nazionale mandandoli in onda su RaiTre.

Poi iniziarono le private.

Oggi possiamo vedere e ascoltare praticamente qualsiasi cosa, presente o passata, in qualsiasi momento e possiamo farlo quasi sempre in maniera gratuita o a costi che non esiterei a definire irrisori.

Quindi, se guardate X Factor, lo fate perché vi piace. Dite di no, ma in realtà lo fate per quello.

Oppure lo fate solo perché volete parlare male di Agnelli o di non so cosa e in quel caso, scusate, ma siete semplicemente degli imbecilli.