Un disco che potreste comprare

E’ uscito “Sulla terra”, il nuovo album di Davide Tosches. Davide è anche colui che ha curato diversi artwork dei miei dischi.

Questo ultimo album è particolarmente intenso e, da un primo ascolto, credo sia il migliore che ha fatto.

Ogni disco di Davide, del resto, era migliore del precedente.

Se vi va, compratene una copia direttamente da lui.

Pubblicato in News

Cose che faccio in settembre che uno può venire a sentire o a vedere

Domenica 6 suonerò 4 cover di John Lennon nel corso di una serata a lui dedicata in quel di Formigine (MO), il tutto a cura dell’Associazione “Avanzi di Balera”.

Venerdì 11 suonerò per la giornata mondiale dei profughi al Parco Amendola di Modena.

Sabato 12 suonerò a Salice Terme, al Soqquadro Pub. Non ci sono occasioni particolari, suono e basta.

 

Pubblicato in News

Venerdi 21 agosto 2020

Venerdì 21/08/2020 suonerò un set di zoppicanti cover anglofone presso la trattoria “Da Guido” alle Salse di Nirano, Fiorano Modenese.

Non farò cose mie. L’idea è quella di fare un poco da sottofondo mentre i clienti mangiano. Io mi metto lì e suono quel che mi pare, senza la pretesa di venire nemmeno ascoltato.

Di solito questa idea mi fa un poco rabbrividire e invece, devo dire, che mi fa molto piacere. Suonerò un poco di cover a caso, di quelle robe dove senti un pezzo dei Nirvana e uno di Harry Belafonte uno dopo l’altro e dici “Ma ‘sto tipo qui da dove salta fuori? E’ matto?” oppure non dici niente e continui a mangiare. Non so neanche a che ora inizio, tipo che mangio qualcosa a cena e poi parto e vedo come va.

 

Mi si nota di più se….oppure se…

Da una decina di giorni ho disattivato il mio profilo Facebook.

Non l’ho distrutto, l’ho solo disattivato. Su messenger mi si può scrivere.

Mi ero rotto le palle di starci, ma se non lo avessi disattivato avrei continuato a starci, come si fa con le dipendenze.

Mi piacerebbe scrivere una di quelle cose del tipo che si torna alla vita reale e di parlare dei tanti benefici ma in realtà non ci sono dei gran benefici, se non che non so mai di cosa si litiga e quindi non litigo più.

In generale, dopo questa cosa del Coronavirus e questi mesi travagliati, mi sembra stupido stare a discutere (o anche solo a sentire discutere) di cose che in fondo non hanno a che fare con la mia vita.

Tipo che un amico mi ha detto che oggi parlavano tutti con cognizione di causa della HBO che ha tolto “Via col vento” dal suo carnet perché è un film razzista.

Ecco, del tipo…Io di questa cosa non ho un’opinione e non me ne frega veramente un cazzo, non so neanche cosa sia l’HBO e di stare a parlare di una roba che non so cosa sia e di un film del milleduecento avanti cristo boh, ho notato che fino a ieri ne parlavo, ma di quelle cose lì ne parlavo più che altro per fare la battutina e sembrare il più furbo di tutti.

Quel giochino lì prima o poi lo tornerò a fare, perché la colpa non è mica di Facebook. La colpa è mia, è un vizio che ho io, quello di voler sembrare il più furbo di tutti.

Vado a farmi una birra e a suonare in veranda.

Se volete scrivermi, fatelo. C’è la mail.

Speriamo di no.

Sarà che per ora sono costretto a lavorare e quindi lavoro e poi vado a casa e sto in casa senza mai uscire, poi vado a lavorare e sto in casa senza mai uscire e tutti si sono fatti sospettosi ma allo stesso tempo leggeri come se a loro il virus non gli saltasse in groppa per andare a far danni da qualche parte, sarà che sto invecchiando e ognuno invecchia come è capace.

Fatto sta che non sopporto gli inni di Mameli alla finestra, i Va Pensieri, i Nessun Dormi, gli Il cieli è sempre più blu, gli Azzurri di Celentano, le dirette facebook dove suonano tutti e suonano molto male, quelle dove invece di rivolgersi ai loro vicini dal balcone quelli che suonano poi si voltano e guardano la telecamera su Facebook, tutta questa voglia di allegria e di amore che mi sembra che più se ne vuol fare vedere e meno ce ne sia, insomma tutte quelle robe lì

Tra quindici giorni inizierà a morire della gente che conosciamo.

 

Concerti rinviati per il CoronaVirus

Buongiorno,

a Marzo avevo 4 concerti e tutti sono stati purtroppo annullati per via del decreto riguardante le misure contro la diffusione del Coronavirus.

Al momento non so purtroppo dirvi quando verranno recuperati.

Sono tempi un poco così, bisogna aver pazienza.

 

Pubblicato in News

E di colpo venne il mese di febbraio…

Passato un primo mese dell’anno nel quale ho suonato parecchio, si prosegue sulla stessa falsariga per il mese di Febbraio. Di solito non suono mai durante il festival di Sanremo e lo spiegai anche in un vecchio post di questo blog.

Quest’anno ho deciso di fare diversamente e suono addirittura due volte. Forse è un suicidio, ma è un rischio che ogni tanto fa bene correre e quindi vedremo come va a finire.

Sto anche, molto ma molto lentamente, ricominciando a scrivere qualche canzone. Sto mettendo mano più che altro a cose vecchie che ancora non conoscete e sto provando a vedere di metterci un testo nuovo. E’ una cosa che ho fatto anche con “Tradimento” nell’ultimo album. Comunque siamo ancora a un livello embrionale e quindi non è il caso di allarmarsi. A suonare in giro mi sto divertendo molto, sto conoscendo delle brave persone e in generale l’umore è decisamente positivo. Sto aspettando la mazzata che arriva di solito in questi casi. Arriverà, probabilmente. Intanto avanti così.

2020 (10 anni)

Sono passati dieci anni da quando porto le mie canzoni in italiano in giro per il paese. In questi dieci anni ho suonato praticamente ovunque. Ho suonato in un locale fighissimo pieno di gente ma anche in un locale vuoto con tre persone. Ho suonato in un deposito di biciclette, in un negozio di scarpe, in uno di occhiali, in un centro di yoga, ho suonato in televisione, alla radio, nei teatri, di spalla a nomi grossi e insieme a nomi piccoli, insieme a nomi piccoli che poi sono diventati grossi e a nomi piccoli che sono rimasti piccoli e basta. Ho suonato, più di ogni altro posto, nei bar. Come dico sempre, “tutto quello che ci vuole sono una stanza e un po’ di voglia”.

In questi dieci anni si sono alternati, spesso in maniera fitta e violenta, momenti di grande esaltazione e momenti di grande avvilimento. Se guardo indietro, forse questo alternarsi violento e implacabile è l’unica cosa veramente costante che mi ha accompagnato.

In questi dieci anni ho avuto persone che mi hanno visto suonare anche trenta volte, altre che hanno fatto centinaia di chilometri per conoscermi e sentirmi, altre alle quali ho dato semplicemente fastidio mentre bevevano qualcosa e chiacchieravano. Di questi ultimi, in qualche episodio decisamente rimarchevole, è rimasto anche l’eco del momento in cui me lo facevano notare.

Dopo dieci anni viene la voglia di fare anche dei bilanci. Credo che il prossimo anno sarà un anno decisivo. Nel senso che, se c’è una cosa che veramente vorrei capire, è “cosa lo stai facendo a fare”. Penso sia l’anno giusto per capirlo, visto che oramai non ci sono più tante cose che quando ho cominciato a fare le mie canzoni in italiano erano ancora lì e in alcuni casi ci sembrava che dovessero esserci per sempre.

E’ il momento giusto perché così vedremo davvero “cosa voglio dalla musica”, per capire se devo raccogliere ancora qualcosa o se devo soltanto cominciare a portarle rispetto.

Non so come andrà a finire. Di solito, quando si comincia una cosa così, va a finire bene. Ma quando si comincia una cosa così, di solito, prima di andare a finire bene deve succedere che ti togli qualcosa dallo zaino che ti stai portando in giro per capire cosa non ti serve durante il tuo cammino. A volte scopri che non ti serve più lo zaino, che non hai più voglia di portarlo in giro. A volte succede che non vuoi più camminare e basta.

Vedremo.