Titolo di studio

Ieri il mio batterista di studio, che risponde al nome di Cesare Anceschi ma per tutti noi è semplicemente CICO, ha incontrato un mio (e suo) fan in giro per Scandiano.

Il fan in questione ha pensato bene di chiedergli quando uscirà il mio nuovo album, visto che è un poco che non mi si sente e che era abituato a dei ritmi più serrati per le mie pubblicazioni.

Cico a quel punto gli ha spiegato che tra non moltissimo, non sappiamo bene quando, andremo comunque in studio a registrare il nuovo disco e quindi ancora non si sa di preciso, ma vedrai che entro il 2020 è pubblicato sicuro.

Poi, mentre parlavano, il fan in questione cercava di capire qualcosa di più sul nuovo disco e sul nuovo materiale.

A quel punto Cico ha provato a sbottonarsi un poco e, come fa spesso quando non resiste a fare il buontempone, ha detto al fan che “Il disco nuovo comunque ha già un titolo”. Il che è vero, badate bene.

Solo che Cico ha pensato bene, mentre lo diceva, di inventarsi a caso il titolo del disco nuovo. Quindi, ha detto, “Il disco si chiamerà SONO STATO SULLA LUNA”.

Il fan, a quel punto, ha risposto “Eh, in effetti Frigieri ha sempre dei titoli molto belli”.

Quattro errori molto comuni con Mark Hollis e i Talk Talk

 

  • Considerarli la band del Synth Pop anni ottanta, di pensare che siano “quelli di Such a Shame” e basta. I Talk Talk hanno fatto altro. Da “Spirit of Eden” in poi hanno realizzato un percorso musicale senza precedenti e, a dirla tutta, anche senza validi epigoni. Provate ad ascoltarvi “Spirit of Eden” da soli al buio questa sera e la prima reazione sarà di dire “Ma sono la stessa band?”
  • Considerarli una grande band da “Spirit of Eden” in poi e basta. I dischi precedenti, seppur meno unici e legati ai suoni specifici di una corrente musicale, sono estremamente particolari e contengono una serie di canzoni decisamente memorabili. Per dirne una, provate a riascoltarvi le prime sei tracce dell’album “It’s my life” e ditemi voi chi riesce a fare un’infilata del genere.
  • Corollario dei due errori prima: considerare il periodo pre “Spirit of Eden” come qualcosa di completamente staccato dal precedente. Si tratta di un percorso di crescita, di un gruppo che (per stessa ammissione di Hollis) non voleva ripetersi e quindi evolveva con passi avanti (o balzi da gigante) ad ogni opera. Partite dall’inizio o dalla fine della loro proposta musicale e ripercorrete tutto in ordine cronologico, sentirete che ci sono parecchi elementi in comune e un percorso chiaro e netto e quindi il “Ma sono la stessa band?” in realtà trova risposta affermativa.
  • Considerarli “gli anticipatori del post rock”. O, per meglio dire, considerarli una grande band per il loro uso della dinamica e del timbro. Pur essendo vero che la prima cosa che salta in mente è quella, visto che NESSUNO AL MONDO è riuscito a equilibrare così a 360 gradi queste caratteristiche del suono, si tende a sottovalutare l’apporto originale che i Talk Talk hanno dato in termini di struttura e forma, di armonia e di melodia. Per il discorso della struttura, valga su tutti una canzone di “Laughing stock” chiamata ”Myrrhman” dove non c’è una singola sezione che si ripete oppure “Ascension day” dove la voce resta uguale nelle tre strofe ma ogni strofa ha meno battute della precedente. Per il discorso dell’armonia, la faccenda è più intuitiva: provate a tirare giù gli accordi di qualche pezzo dei Talk Talk e a suonarli con la chitarra. Oppure, dal punto di vista delle melodie, provate a suonare una melodia di qualche canzone loro al piano. Solo la melodia, scegliete voi la tonalità e provate a suonarle a orecchio. Ci sono degli intervalli decisamente particolari, cose che normalmente nelle canzoni pop non si trovano.

 

Mark Hollis (e i Talk Talk) è stato, vale la pena ripeterlo, un qualcosa di assolutamente unico e indefinibile nel panorama musicale sia per quello che ha fatto che per quello che non ha fatto (il suo assordante silenzio degli ultimi 21 anni). Con lui se ne va un grandissimo, uno dei veri geni della musica contemporanea. Rendergli omaggio è un dovere.

 

Cose varie di questo periodo

Le dico per punti, così sono chiaro:

  1. Il dolore alla spalla dovuto alla calcificazione si sta risolvendo benissimo, tutto procede bene e presto, almeno sul piano teorico, saremo più forti che prima. La visita di controllo dove vedremo se ho fatto tutto quello che devo fare sarà a luglio.
  2. Fino a luglio, per i motivi di cui al punto uno, non suonerò granché. Ogni tanto, se capita qualcosa, posso pure pensarci. Ma non farò molto.
  3. Dopo l’estate (presumibilmente) registrerò i pezzi che faranno parte del disco nuovo. Li registrerò allo studio BUNKER di Rubiera, il posto dove sono sempre stato a registrare fino a “Togliamoci il pensiero”. Sarà un grande ritorno, ogni tanto bisogna tornare a casa.
  4. Il disco, come già detto, si chiamerà “I FERRI DEL MESTIERE”. Devo ancora decidere i formati sui quali uscirà. Non cominciamo a dire “Dai, fallo in vinile” e poi lo lasciate lì.

 

Pubblicato in News

Cose varie (tra cui anche un titolo)

La spalla sta meglio, ogni tanto potrebbe tornare a far male ma la fase acuta è più che passata. Nei prossimi mesi ci sarà da fare alcune piccole cose di riabilitazione, niente di sconvolgente.

Per precauzione e per diversi impegni personali di varia natura, non prenderò molte date in questo 2019 e quindi suonerò poco dal vivo.

Ne approfitterò per finire di scrivere il mio disco nuovo, che dovrebbe uscire ad inizio 2020 e si intitolerà “I ferri del mestiere”.

Mi divertiva scriverlo qui e basta e non sui social network, giusto per vedere se qualcuno se ne accorge.

Pausa concerti

Ho una calcificazione alla spalla sinistra. Non dovrebbe essere niente di grave, ma sono in giro per visite e robe varie e ci sono dei giorni che va tutto alla grande “ed invece dei giorni che no” (per citare il poeta della musica).

Ho annullato tutte le date di dicembre che avevo perché comunque al momento è meglio. Per l’anno nuovo vedremo, adesso è presto.

Speriamo bene, dai. Vedrai che non è niente. In bocca al lupo. Grazie.

 

 

 

Pubblicato in News

7 giorni di squalifica

Mi hanno squalificato da Facebook per 7 giorni perché in un post di settemila anni fa ho scritto la parola “frocio”.

 

Non che io scriva questo per lamentare chissà quale violazione della democrazia o censura.

Sono cose che, a farsi governare dai robot, possono capitare. Almeno Yul Brinner non mi ha sparato in duello come nel film.

Il motivo è che non mi fa usare messenger, quindi ho qualche persona che mi sta scrivendo e alla quale non riesco a rispondere e magari sta pensando “Che pezzo di merda, manco mi risponde”.

Cogli la prima mela – Itunes ItalyRockChart

Ogni tanto qualcuno scrive “Il nostro video è al XY sulla classifica nel sito di (inserire nome di sito internet, webzine, giornale)” e sembra una cosa molto figa. In genere sono posizioni di rincalzo, ma comunque essere in classifica è sempre essere in classifica. E poi, voglio dire, sei nella classifica di una roba dove stanno altri nomi grossi, magari una classifica a livello nazionale. E infatti tutti a dire “Bravo” “Daje” eccetera.

L’altro giorno mi ha scritto Govind, il mio editore.
Mi dice che siamo finiti al 196esimo posto della ItalyRockChart di Itunes con un mio pezzo del 2010 chiamato “Vita di paese”.
In pratica questa canzone del 2010 è una delle canzoni tra le “italiane rock” (mi si perdoni) che è stata scaricata più volte da Itunes in settimana. Solo (si fa per dire) 195 canzoni le sono davanti.
Allora chiedo a Govind di dirmi, se lo sa, quanti download abbiamo totalizzato per finire al 196esimo posto su un sito prestigioso come quello di Itunes.

E lui, candidamente, mi risponde: “UNO”.

 

Vela – Nuovo video

Domenica 15 ottobre verrà pubblicato il video di “VELA”, brano incluso nel mio nuovo album “La prima cosa che ti viene in mente”.
E’ il secondo video che esce dal disco, dopo “Triveneta”.
La regia del video è di Roberta Bedocchi.
Mi hanno detto che i video non si devono fare uscire di domenica mattina, che la gente la domenica mattina non ha voglia di fare niente e di stare attenta a niente.
Secondo me la domenica mattina invece è il momento perfetto per apprezzare questo video qui e, come dico spesso, bisogna ogni tanto anche dare ragione al proprio animo e alla propria indole.