Ci sei o ci fai?

Oggi un mio collega voleva dirmi che ha una zia suora.

Finora avevo sempre sentito dire che una persona fosse una suora, vale a dire che se uno mi diceva che aveva una zia suora, mi diceva “Ho una zia che è una suora” o al limite una zia che “si è fatta suora”.

Lui oggi mi ha detto “Ho una zia che FA la suora”.

Mi è sembrata una differenza fondamentale. Sua zia non è una suora. LA FA.

D’ora in poi mi sa che lo uso sempre e volevo invitare chiunque a fare altrettanto.

Let’s play ball with William Blake

C’è un bel film con Kevin Costner, Tim Robbins e Susan Sarandon che si intitola “Bull Durham” ed è un film sul baseball. Se avete giocato a baseball anche solo a livello dilettantistico, se avete comunque la scimmia del baseball e vi piace un casino il gioco e tutte le regole e la implicita filosofia che ci sta dietro, questo è il vostro film, il film della vita, quello che vorrete vedere e rivedere sempre, tipo che ogni tanto rimanete una sera in casa e non sapete cosa fare e allora dite tra voi “Vabé, adesso mi riguardo Bull Durham”.

In questo film, c’è un momento durante il quale Susan Sarandon e Kevin Costner stanno litigando perché lui ha detto una cosa a Tim Robbins che fa sì che Robbins non voglia più fare sesso con la Sarandon e lei è molto arrabbiata. I due discutono in uno scambio di battute vibrante e fatto molto bene. Poi, ad un certo punto, Costner dice alla Sarandon se non trova che il suo vestito sia un poco eccessivo e lei, che era in difficoltà e stava andando sotto nella discussione, risponde dicendo “La strada dell’eccesso porta al palazzo della saggezza – William Blake”.

Dice proprio così. Nel senso che dice anche “WILLIAM BLAKE”. E Costner ride e dice “Che cavolo vuol dire WILLIAM BLAKE?” e lei risponde “CHE PARLO DI WILLIAM BLAKE”

Ecco, quando vedo che postiamo le cose sui social e poi mettiamo cento hashtag per far capire di cosa stiamo parlando, mi sembra sempre che uno stia dicendo una cazzata perché è in difficoltà e che, finita la frase, dica “WILLIAM BLAKE”.

(E’ un film tradotto così così come tutti i film sul baseball, dove senti delle cose del tipo “Ed è una palla per il lanciatore” e invece era un BALL, che non vuol dire palla, un poco come a calcio se dici che un calciatore ha realizzato una rete vuol dire che hai fatto goal, non che stai sistemando la porta. Guardatelo in inglese, se riuscite. Se sapete le basi delle regole del baseball è meglio. Non solo per vedere il film, è proprio meglio per voi. Nella vita, intendo)